Pagine

mercoledì 2 marzo 2011

Ti piace vincere facile?

Proposte che aleggiano sulla bocca di non si sa chi, ipotizzando qualcosa che non si può neanche dire per quanto è scandaloso: l'alternanza per legge di conduttori di diversa opinione (orientamento culturale? come lo chiamano per non parlare di preferenze politiche?) nei talk show. Alla faccia della libetà di impresa dell'Azienda Rai.

Vi piacere vincere facile, eh!? Perché in verità ci hanno già provato alcuni opinionisti di destra a fare audience: gente di cultura di cui si son perse le tracce. Veneziani, Socci, quella pietra di Paragone: ma di questi almeno il nome lo ricordo. Gente in gamba naufragata di fronte agli indici di ascolto. Il che nulla toglie alla validità delle loro opinioni: risulta solo che non hanno pubblico.

Ma è così, via! Alla cultura di sinistra la critica e il dibattito sono consustanziate; tanto quanto evidentemente altre forme per passare il tempo alla cultura di destra; che pure c'è ed è diffusa e radicata. Il che non sarà un bene, ma è.

Per battere la capacità di fare ascolti di Saviano, Lerner, Santoro, Gabbanelli non c'è quindi che una strada:  silenziarli. Vi piace vincere facile, eh!? Ma un'altra previsione è altrettanto facile: i conduttori "di altro orientamento culturale" cadranno sull'altare liberista dell'audience. Del resto ognuno ha la sua pena: la sinistra ha Santoro, la destra il Grande Fratello.

Nessun commento:

Posta un commento